GESTIONE EFFLUENTI ZOOTECNICI PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
UTILIZZO AGRONOMICO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E ACQUE REFLUE

Normativa di riferimento
La Direttiva Comunitaria 91/676/CEE più comunemente nota come Direttiva Nitrati ha dettato i principi fondamentali relativamente all’utilizzo agronomico degli effluenti di origine zootecnica e acque reflue provenienti da piccole aziende agroalimentari.
I principi fondamentali di tale direttiva sono stati recepiti a livello nazionale con il D. Lgs. n. 152/1999 e il D.M. 7 aprile 2006, quest’ultimo recepito a livello regionale con DGR n.1492/2006.
A chi è rivolto l'Obbligo della redazione della Comunicazione
Alle aziende agro-zootecniche che in un'annata agraria producono un quantitativo di azoto superiore ai limiti previsti dalla Normativa vigente (3000 kg/N/anno in zona Non Vulnerabile e 1000 kg/N/anno in zone Vulnerabili).
Le stesse aziende che intendono effettuare l’utilizzazione agronomica degli effluenti zootecnici e delle acque reflue sono tenuti a presentare in triplice copia (una copia per il Comune, una per l'Amministrazione Provinciale ed una per l'ARPA competente per il territorio) all'Ufficio tecnico del Comune in cui insistono le particelle oggetto di spandimento la Comunicazione di spandimento e dove previsto, il Piano di Utilizzazione Agronomica, alla Provincia in cui ha sede l’allevamento .
La comunicazione/PUA deve pervenire all'Uffico tecnico del Comune  almeno 30 giorni prima dell’inizio dell’attività di utilizzazione agronomica (trascorsi i 30 giorni di istruttoria salvo contestazioni da parte degli organi preposti, vige il silenzio assenso).
L'azienda che effettua la comunicazione ha l'obbligo di comunicare all'ARPA competente per il territorio ( attraverso un fax, o raccomandata od e-mail ecc..) almeno 2 giorni prima di ogni periodo di spandimento il giorno di inizio e di fine spandimento.
La validità della comunicazione/PUA è pari a 5 anni dalla data di presentazione, fermo restando l’obbligo dell’interessato di segnalare tempestivamente le eventuali modifiche.
La comunicazione/PUA è presentata dal legale rappresentante dell’azienda che produce e/o intende utilizzare gli effluenti zootecnici e le acque reflue.
Qualora le fasi di produzione, trattamento, stoccaggio, spandimento di effluenti e ulteriori forme di utilizzazione a fini agricoli siano suddivise fra più soggetti, ciascun soggetto deve provvedere alla compilazione della comunicazione per le parti di competenza.
Ultimo aggiornamento Martedì 30 Novembre 2010 16:06