DESTIANZIONE FINALE DEGLI EQUIDI: NUOVE DIRETTIVE DAL MINISTERO DELLA SANITA’ - 01/03/2013 PDF Stampa E-mail
Martedì 04 Giugno 2013 15:17

DESTIANZIONE FINALE DEGLI EQUIDI: NUOVE DIRETTIVE DAL MINISTERO DELLA SANITA’

Visto i recenti eventi relativi al settore degli equidi e l’utilizzo della loro carne, il Ministero della salute ha reagito dettando leggi molto più restrittive sulla destinazione finale, al fine di conoscere le movimentazioni degli animali e la tracciabilità delle loro carni.

Riportiamo sotto una sintesi degli aspetti più salienti della ordinanza del 01/03/2013 del Ministero della Salute,sottolineando l’importanza del rispetto delle tempistiche di legge ai fini dell’identificazione e la registrazione degli eventi in Banca dati equidi.

  1. Identificazione: I soggetti che verranno identificati in età superiore ai 12 mesi dovranno essere dichiarati NON DPA.
  2. Registrazione Passaporti: per i passaporti ante recepimento del Reg. CE 504/08, che presentano le sezioni DPA e NON DPA, si inserisce in BDN quanto già specificato sul passaporto. Se sul passaporto non c’è alcuna dichiarazione ufficialmente riconosciuta, l’equide viene censito come NON DPA.

Nel caso di passaporto post recepimento del Reg. CE 504/08, cioè che presenta solo pagina NON DPA, se questa è confermata il cavallo viene censito come NON DPA, altrimenti come DPA.

     3. Passaggi di Proprietà: Al momento della registrazione dei passaggi di proprietà deve essere presentata la seguente documentazione:

         - Modulo comunicazione vendita

         - Fotocopie del documento di identità e del codice fiscale del venditore ed acquirente

         - Attestato di assegnazione cod. ASL o equivalente che attesti la reale esistenza dell’azienda ASL di destinazione.

   4. Trasporto: Si ribadisce l’obbligatorietà della compilazione del modello 4 per il trasporto.


 
PROGETTO DI INFORMAZIONE ZOOTECNICA 2013 PDF Stampa E-mail
Venerdì 17 Maggio 2013 09:11

La Regione Umbria ha pubblicato sul BUR n.20 del 24 aprile 2013 del Supplemento ordinario n. 4 il bando per la selezione dei progetti di Informazione zootecnica al quale la nostra Associazione intende partecipare.
Potrà essere realizzata una capillare rete di informazione per gli allevatori in merito a molti temi tecnici, normativi ed economici di interesse agro/zootecnico.
Chiunque fosse interessato a aderire al Progetto che l'Associazione Regionale Allevatori presenterà in Regione Umbria può farlo compilando e consegnando, entro il 30 maggio 2013, agli uffici della stessa il modulo previsto.


CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODELLO DI ADESIONE!!


 
20/02/2013 - Assemblea elettiva AIA PDF Stampa E-mail
Lunedì 25 Febbraio 2013 12:10

 


L’assemblea generale dei soci di Aia si è riunita a Roma e ha eletto il Comitato direttivo, i sindaci effettivi, i sindaci supplenti e i probiviri che saranno in carica per il triennio 2013-2016. Il Comitato direttivo  composto da Gianpiero Ameglio, Fabrizio Benedetti, Roberto Chialva, Mauro D’Acri, Paride Di Memmo, Mauro Di Zio, Palmino Ferramosca, Alberto Gandolfi, Daniel Gasser, Fabio Minardi, Pietro Molinaro, Enzo Nesta, Luca Panichi, Germano Pe’, Albino Pistone, Luciano Pozzerle, Ettore Prandini, Diego Rigoni, Pietro Salcuni, Mauro Testa, Luca Vadori e Giuseppe Valente. Oltre agli eletti, andranno a comporre il Comitato direttivo anche gli aventi diritto per statuto.
Nella sua prossima riunione il Comitato direttivo eleggerà la Giunta esecutiva e il Presidente di Aia.

 


 
ARA UMBRIA - RIUNITO IL COMITATO DI SEZIONE SU PROSPETTIVE E PROBLEMATICHE DEL SETTORE LATTE PDF Stampa E-mail
Giovedì 15 Novembre 2012 07:43

ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI, LATTE:

RIUNITO IL COMITATO DI SEZIONE SU PROSPETTIVE E PROBLEMATICHE DEL SETTORE

Qualità, territorialità e trasparenza le forze del comparto


Le prospettive e le problematiche del settore latte, sono stati i temi al centro di una importante riunione del Comitato della sezione latte dell’Associazione Regionale Allevatori dell’Umbria, svoltasi stamane a Corciano di Perugia.

Nel corso dell’appuntamento, presieduto da Lancioni Massimo presidente della Sezione Latte,  è stata innanzitutto sottolineata da parte degli allevatori la difficoltà attraversata al momento dal comparto, alle prese con gli aumenti dei costi di produzione che hanno sfiorato il 20-25% rispetto all’anno precedente e con ricavi che non hanno seguito l’andamento dei costi ma che hanno invece dovuto far fronte all’andamento del mercato, alla concorrenza dei prodotti di ignota provenienza e ad un generale calo dei consumi da parte delle famiglie dovuto alla crisi in atto.

È stata altresì ribadita comunque, la dinamicità del settore umbro, che a livello regionale può contare su oltre 10mila vacche da latte e su circa 150 allevamenti che consentono di produrre prodotti di alta qualità del nostro territorio.

Fondamentale è stata valutata l’azione di affiancamento degli allevatori e di tutela per i cittadini-consumatori, garantita con impegno e professionalità, dai tecnici dell’Associazione Regionale Allevatori, che, controllando mensilmente gli animali della quasi totalità delle stalle umbre, ne verificano pure la qualità della produzione. Sono infatti il legame con il territorio, la trasparenza, la tracciabilità e qualità delle produzioni, i punti di forza imprescindibili per gli allevatori umbri, anche a fronte di una crescente consapevolezza della società su quanto quotidianamente arriva sulle tavole.

Leggi tutto...
 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 9